Loading...

Opportunità per le imprese

Sono finalizzati a sostenere i costi per acquisto e installazione di sistemi di sicurezza e riduzione dei flussi di denaro contante

Sicurezza, contributi della Camera di Commercio

La Camera di Commercio di Bologna assegna 300.000 euro di contributi finalizzati a sostenere i costi per acquisto e installazione di sistemi di sicurezza e riduzione dei flussi di denaro contante per le micro e piccole imprese, consorzi e reti di imprese. Invio domande dal 30 marzo al 28 aprile 2016.

Per informazioni: Serfina, società di consulenza finanziaria Cna Tel. 051 370.107 serfina@bo.cna.it

Termini

• Apertura sportello telematico: ore 9 del 30 marzo 2016 (le domande inviate prima sono respinte dal sistema).

• Termine ultimo per l'invio delle domande: ore 17 del 28 aprile 2016 N.B. L'ordine cronologico di ricezione delle domande NON ha alcuna rilevanza nell'assegnazione del contributo.

Stanziamento

Importo complessivo stanziato: 300.000,00 euro (rispetto ai 100.000 euro stanziati per il bando 2015).

Soggetti beneficiari

  1. Micro e piccole imprese
  2. Consorzi di imprese, Reti di impresa, Reti Temporanee di Imprese (RTI), Associazioni Temporanee di Imprese (ATI) formate da micro, piccole imprese:

• attive al momento della presentazione della domanda;

• con sede legale o unità locale nell'area metropolitana (ex provincia) di Bologna, regolarmente denunciata all’Ufficio Registro delle Imprese della CCIAA di Bologna;

• in regola con il pagamento del diritto camerale annuale.

Modalità di assegnazione ed entità del contributo

• I contributi sono assegnati a tutte le istanze aventi i requisiti richiesti dal regolamento, con riduzione proporzionale dell’importo del contributo nel caso in cui lo stanziamento sia inferiore all’ammontare dei contributi richiesti a fronte di domande ammissibili.

• Sono escluse le domande il cui contributo, a seguito dell'eventuale riduzione proporzionale, risulti inferiore ad euro 500.

• L’importo risultante dalla somma di tali esclusioni sarà ripartito in modo proporzionale a favore delle altre imprese assegnatarie del contributo.

Contributo teorico spettante in assenza di riduzione proporzionale:

• 50% delle spese ammissibili (60% per le imprese femminili).

• Limite massimo di 2.500 euro.

In caso di presentazione della richiesta di contributo da parte di consorzi di imprese, Reti di impresa, RTI, ATI il contributo massimo assegnabile è elevato in misura pari alla moltiplicazione tra il contributo massimo per un’impresa singola (€ 2.500) ed il numero di imprese partecipanti alla struttura aggregata richiedente, e comunque non oltre l’importo complessivo di € 25.000,00.

Periodo di ammissibilità delle spese

Dal 1° gennaio 2016 alla data di invio della domanda. Le spese dovranno essere fatturate e integralmente pagate al momento dell'invio della domanda.

Spese ammissibili

Il costo minimo da sostenere per l'accesso al contributo è di 1.000 euro di imponibile.

Gli interventi devono essere realizzati nell'area metropolitana (ex provincia) di Bologna.

Sono ammesse a contributo le spese per l’acquisto e relativa installazione, al netto dell’IVA, dei seguenti sistemi di sicurezza e dispositivi per la riduzione dei flussi di denaro contante:

1. Sistemi di videoallarme antirapina in grado di interagire direttamente con gli apparati in essere presso le sale e le centrali operative della Polizia di Stato, dell’Arma dei Carabinieri o degli Istituti di Vigilanza, conformemente ai principi predisposti dal Garante per la protezione dei dati personali in materia di videosorveglianza.

2. Sistemi di videosorveglianza a circuito chiuso e sistemi antintrusione con allarme acustico e nebbiogeni.

3. Casseforti, blindature, sistemi antitaccheggio, inferriate, porte di sicurezza, serrande e vetri antisfondamento.

4. Sistemi di pagamento elettronici (POS e carte di credito).

5. Dispositivi di illuminazione notturna, esterni ai locali aziendali, installati allo scopo di consentire la vista dell’interno dei locali aziendali e quindi anche la presenza di eventuali intrusi.

Sono ammissibili solo l’acquisto e relativa installazione dei nuovi impianti o sistemi di cui sopra, esclusi gli ampliamenti e gli adeguamenti dei preesistenti. Non sono ammissibili interventi di edilizia se non strettamente legati all'installazione dei predetti dispositivi.

Non sono ammesse le spese di mera installazione di impianti e sistemi di sicurezza il cui acquisto sia stato fatturato in un periodo diverso da quello considerato dal singolo bando. Sono escluse le spese fatturate da soggetti collegati alle imprese istanti come definiti all’art. 4 del regolamento.